L’esperienza di Consorzio DAFNE al Tavolo Tecnico Indisponibilità di AIFA e il go live di IN2DAFNE

L’Agenzia italiana del farmaco (AIFA) ha presentato un volume denominato “Il tavolo tecnico indisponibilità”, nel quale sono riportati i principali risultati raggiunti dal tavolo di lavoro istituito dall’Agenzia nel 2015 per affrontare i vari aspetti della mancanza dei farmaci, attraverso un confronto tra amministrazioni pubbliche, attori privati e società scientifiche, al quale Consorzio DAFNE – solida comunità B2B no-profit operante da trent’anni nel settore della salute umana e animale con l’obiettivo di promuovere la digitalizzazione nella filiera healthcare – ha preso parte.

Il testo, edito dall’Istituto poligrafico dello Stato, è stato presentato nel corso di un convegno svoltosi presso la sede dell’AIFA il 22 novembre 2021.

Nicola Magrini, direttore generale dell’AIFA, ha dichiarato come «le carenze dei farmaci sono un tema vitale per garantire l’accesso ai medicinali. L’attività che l’Agenzia svolge in questo campo ha suscitato grande apprezzamento in Europa e ha contribuito ad affrontare molte carenze anche durante l’emergenza sanitaria. Il nuovo volume affronta i temi principali della questione, cercando anche di chiarire la doppia natura delle carenze, che derivano in parte da problemi della filiera di produzione e in parte dalla complessità della catena distributiva».

Il valore e l’importanza di spazi di confronto aperto e costruttivo, che ospitino al proprio interno la più ampia e completa eterogeneità di attori dell’ecosistema, sono elementi in cui il Consorzio DAFNE crede profondamente.

Nell’ultimo anno in particolare, collaborare con le istituzioni ha permesso al Consorzio DAFNE di esplorare e sviluppare sinergie anche con i tavoli tecnici promossi e coordinati da AIFA su temi di estrema attualità e rilevanza: il contrasto a carenze e indisponibilità, da un lato, e quello ai furti dall’altro.

Questa esperienza conferma che collaborazione, trasversalità e concretezza sono ingredienti chiave per iniziative di successo, destinate a consolidarsi e rafforzarsi nel tempo per valore e utilità, riconosciute diffusamente sul campo ancor prima che attraverso formalismi burocratici.

L’impronta proattiva e fattiva caratterizza il contributo che il Consorzio può portare, mettendo a fattor comune le competenze interne e – ove opportuno – gli asset tecnologici di partner selezionati e qualificati, con alcune prime evidenze che già hanno visto traduzione concreta.

L’iniziativa di Tracciabilità rafforzata AIFA per il contrasto ai furti di medicinali identificati dalle stesse aziende titolari come particolarmente “sensibili”, per esempio, nasce dalla sintesi di spunti emersi proprio dal dibattito in seno al Tavolo Tecnico Furti, coordinato da Domenico Di Giorgio.

L’incontro di quest’idea con gli asset del Consorzio ha permesso, nel giro di pochi mesi, di rendere concreta questa soluzione, ormai operativa dalla scorsa estate con le prime aziende aderenti, ed erogata dal Consorzio in forma totalmente gratuita.

Diversa invece la genesi dell’iniziativa IN2DAFNE (INdustry INventory DAFNE), presentata da Marcello Pani durante il Convegno AIFA: un autentico esempio paradigmatico di progettualità di filiera che ha trovato nel Consorzio naturale sintesi costruttiva del confronto fra industria e distribuzione, finalizzato a esplorare la possibilità di portare un contributo concreto al lavoro di gestione, di mitigazione, di prevenzione dei fenomeni riconducibili a carenze e indisponibilità di medicinali.

La soluzione, che sarà rilasciata a gennaio 2022, consentirà ai diversi attori della filiera di poter accedere, con visibilità opportunamente profilata e segregata, a informazioni relative alla disponibilità di farmaci sul territorio nazionale, per area geografica.

AIFA e le istituzioni preposte al monitoraggio potranno così contare su uno strumento ulteriore per verificare eventuali segnalazioni di carenze o indisponibilità con una fotografia aggiornata della situazione, grazie alla collaborazione di tutte le aziende della filiera che vorranno aderire all’iniziativa: al momento, Astrazeneca, Boehringer Ingelheim Italia, C.D.F. Centro Distribuzione del Farmaco, Ce.Di.Far., CEF – Cooperativa Esercenti Farmacia, Comifar Distribuzione, D.M. Barone, Difarma, Eli Lilly Italia, Farvima Medicinali, Galatinamed, Sofad, Spem, Teva Italia, UCB Pharma, Unico La Farmacia dei farmacisti.

E’ possibile consultare online il volume completo “Il Tavolo Tecnico Indisponibilità. Il dialogo nel TTI fra pubblico e privato”.

 

Per informazioni:

Ufficio Stampa Consorzio DAFNE

Different – press@differentglobal.com – 02/87.252.21

Simone Contini simone.contini@differentglobal.com

Ilaria Muolo ilaria.muolo@differentglobal.com

 

Consorzio DAFNE:

Il Consorzio DAFNE è una community B2b no-profit costituita nel 1991 con l’obiettivo di favorire lo sviluppo, la promozione e la diffusione di soluzioni digitali a supporto dell’intero ecosistema della Salute, umana e animale. L’ecosistema del Consorzio oggi coinvolge oltre 800 organizzazioni: Aziende Healthcare (farmaci, nutraceutici, dispositivi medici, prodotti per la salute, …), Distributori Intermedi, Concessionari, Depositari, Strutture Sanitarie private oltre, naturalmente, alla totalità degli Enti afferenti al Servizio Sanitario Nazionale (collegati per tramite del nodo ministeriale – NSO). Il Consorzio si pone quindi come un aggregatore trasversale, plurale e inclusivo per gli attori dell’ecosistema della Salute e le Istituzioni, realizzando la governance necessaria a favorire l’efficace introduzione dell’innovazione digitale nell’intera filiera Healthcare.


Indietro